Chi ha bisogno di un sito web?

La risposta sembra ovvia. Tutti no?

Del resto è questo ciò che ci dicono spot di guru, agenzie web, webmaster, società che sviluppano siti per creare siti web “gratis.

Vi confesso un segreto, anche se apparentemente contrario ai miei interessi: non è vero! Un sito web serve a chi ha la necessità di sviluppare un progetto su Internet. Non  ho usato un termine a caso: un progetto, appunto, cioè un’idea accompagnata da analisi ed esecuzione.

Un sito web non serve a tutti, anzi, a volte, è controproducente averlo, soprattutto se non è stato preceduto da un’ideazione, da una scelta, alla fin fine, di obiettivi da raggiungere. Un’edicola, per esser chiari e fare un esempio qualunque, difficilmente ha bisogno di un sito web, a meno che non abbia un progetto particolare da promozionare. Lo so che molti potrebbero non esser d’accordo, ne sono consapevole, ma sono abbastanza stufo del rumore di fondo generato da siti, francamente brutti e – soprattutto – inutili.

Attenzione: così come ci sono attività che non hanno bisogno di un sito web, ne esistono moltissime che ne hanno estrema necessità, che senza un sito web efficace rischiano di chiudere dall’oggi al domani. E questo è ancor più importante in alcuni settori quali e non solo: nel turismo, nel campo della ristorazione, nelle imprese focalizzate nel web, ovviamente, nelle imprese il cui core business è basato sull’affidabilità e sulle conoscenze e così via. In questo caso –  in particolare – non basta “avere” un sito web: è importante che sia efficace, che comunichi in modo chiaro il nostro core business, che generi sicurezza e tranquillità ai potenziali clienti, che sia facilmente utilizzabile e così di questo passo.

A chi serve, allora, un sito web? A chi ha necessità di comunicare la propria “presenza”, i propri servizi e/o prodotti al mondo, o a quella parte di mondo potenzialmente interessata. E, ovviamente, serve a chi rientra in tale categoria e ha un sito ideato male e realizzato peggio.

Nessun commento

Lascia una risposta