Scelta di un partner per il proprio sito web

La creazione di un sito web, anche apparentemente banale, necessita di numero di professionalità notevoli; servono di sicuro:

  • un grafico
  • un programmatore
  • un esperto SEO/SEM
  • un redattore di contenuti

e molto spesso son anche necessari:

  • un esperto di UI
  • un front-end developer
  • un data scientist
  • un sistemista
  • un videomaker
  • un fotografo
  • un project manager

e così via. È vero che in alcuni casi alcune figure possono coprire 2, a volte in casi rari, 3 compiti, nella realtà dei fatti è impossibile che una sola persona possa conoscere tutti gli aspetti necessari alla realizzazione di un sito web. Diffidate da chi dice il contrario; è come se una società di costruzioni edili avesse un solo dipendente che copre i ruoli di architetto, ingegnere, falegname, idraulico, fabbro, giardiniere, antennista, manovale e così via. È possibile trovare un tuttofare, certamente, ma molto molto difficilmente potrà coprire con estrema competenza tutte le professionalità indicate.

Più il progetto è delicato più figure servono per poter creare un buon sito web.

Ed è per questo che va scelto un partner: per poter demandare la parte realizzativa del sito e potersi preoccupare di fare il proprio lavoro!

Ed il punto resta: e come si trova un partner adatto?

Prima di tutto vi do un consiglio: lasciate stare il cugino dell’amico tanto bravo con i computer. Cercate dei professionisti. Dove?

Sul web, ovviamente.

Cercate siti simili a quello che volete realizzare. Sceglietene 3-4 tra i migliori ed andate in basso a cercare la firma di chi lo ha realizzato.

Segnatevi questi nomi e visitate i loro siti web. In particolare visitate la sezione “clienti” o “portfolio”. Vedete per chi ha lavorato, controllate se i lavori fatti vi piacciono o meno.

In caso affermativo, segnatevi i loro contatti.

NON chiedete loro subito un preventivo, prima fate una cosa importante: studiate il vostro progetto. Analizzatelo bene, studiate e considerate bene cosa avete bisogno, fissate dei potenziali obiettivi da raggiungere, fissatevi un budget e siate certi di poterlo rispettare e solo dopo chiedete il preventivo (per favore però: non mandate 200 richieste a 200 persone diverse; studiare preventivi è un lavoro e anche se alcune società [o forse tutte] non chiedono un compenso ciò non significa che non sia un costo per loro).

Una volta ricevute quelle 2-3 proposte, studiatele attentamente, chiedete se necessarie altre informazioni e scegliete il migliore. Il migliore, non quello più economico, mi raccomando. Poiché risparmiare ora 300-500-1000 euro potrebbe significare pentirsene in futuro.

 

 

Lascia una risposta